Lost in USA: ecco il vincitore!

Lost in USA: ecco il vincitore!

Il contest fotografico è terminato e in Bookbank sono rimaste in mostra fino al 31 agosto le cinque fotografie finaliste. E il popolo di FB ha decretato il vincitore: STEFANO GANDOLFI con la sua ON THE ROAD.
Stefano si aggiudica quindi il buono per due persone da Walker Burger di Piacenza

Ringraziamo tutti i partecipanti e tutti i visitatori nonché chi ha votato con un click sulla nostra pagina Facebook!

Stefano Gandolfi, ON THE ROAD (fine anni ‘90, da diapositiva) L’America negli anni 60’ ha cambiato il mondo grazie alle “follie” dei giovani on the road. Questa Libertà si esprime in questa foto vintage e senza tempo. Tantissimi i rimandi cinematografici e letterari, da Kerouac a Easy Rider. E soprattutto una qualità di luce e grana che solo la pellicola può regalarci. Gandolfi is Born to be wild!! (giudice: Roberto Dassoni, videomaker e fotografo)

 

L’America e il suo passato Paola Bellocchio, Black and white (NY 2008) Paola Bellocchio ha catturato in uno scatto quella che è l’America, un mix di vecchio e nuovo in un Paese fatto di contrasti, dove spesso le realtà sono bianche o nere, senza vie di mezzo. I due edifici si ergono maestosi ognuno con la sua storia, bianco quello moderno e scuro quello più antico, di cui il peso degli anni non ha scalfito il fascino. Perchè non è vero che l’America è un Paese senza storia, la sua storia è solo differente dalle altre, ma non meno interessante. (giudice: Elisa Bozzi, curatrice d’arte)

Il paesaggio americano Andrea Bertolotti, Loneliness (Death Valley National Park, agosto 2017) Con la premessa che la fotografia “Loneliness”, è stata scattata durante un viaggio attraverso la Valle della Morte, uno tra i più famosi territori dei Grandi Parchi Americani, va detto che Andrea Bertolotti ha sapientemente costruito quest’immagine tenendosi lontano dal banale o il già visto, utilizzando con abilità l’andamento curvilineo del nastro d’asfalto, unico elemento di antropizzazione che contrasta con il desolato paesaggio tipico dei deserti statunitensi. Pur con lo sguardo condizionato dal retaggio – soprattutto cinematografico – che nell’immaginario collettivo il mito americano ha sempre portato con sé, l’autore ha qui ricercato (e trovato) un punto di vista del tutto personale, conservando tuttavia gli elementi iconici più funzionali alla descrizione del luogo, ed anzi utilizzandoli con senso e misura, per uno scatto impeccabile. (giudice: Giovanni Calori, fotografo)

Storie americane Nadia Ziliani, Summer snow (Alviso Marina County Park – San José, 2017) Ziliani nella sua foto adotta la semplicità per raccontare documentare una storia familiare, collocandola in uno scenario naturale che suggerisce la sensazione di un “nuovo inizio”. Una grammatica semplice per un concetto immenso. (Giudice: Francesco Paladino, regista)

Le luci della città Roberto Telloni, Always under construction (NY 2017) “Non un’immagine patinata sulla metropoli,non una mera esaltazione di forme e linee architettoniche. Una visione… quasi un fermo immagine di una città aggressiva e immobile. Palazzi come sentinelle pronti a crescere e mutare,invadere e contagiare”. (Gudice: Maria Assunta Karini, artista)